FINANZIAMENTI

Martedì, 16 Gennaio 2018

Carte Famiglia: in arrivo gli aiuti alle famiglie numerose

Dal Ministero del lavoro arrivano gli aiuti alle famiglie numerose, ecco i criteri.

Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, in collaborazione con il Ministero dell’Economia e delle Finanze e con il Ministero dello Sviluppo Economico, ha pubblicato il Decreto 20 settembre 2017, che riguarda gli aiuti alle famiglie numerose (con oltre 3 figli minorenni), attraverso lo strumento della Carta della famiglia.

La Carta permette di accedere a sconti sull’acquisto di beni o servizi, o di ottenere delle riduzioni tariffarie che possono essere concesse da soggetti pubblici o privati che vogliano contribuire all’iniziativa.


Sconti e benefici: eccone alcuni

  1. - sconti applicati sull’acquisto di determinati beni e servizi;
  2. applicazione di condizioni particolari per la fruizione di servizi;
  3. riduzioni tariffarie; nel caso la riduzione tariffaria sia concessa da soggetti pubblici, essi dovranno, in ogni caso, preservare il loro equilibrio di bilancio, senza nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica.

Chi può attivare i benefici?

Nell’ambito di ciascuna delle categorie merceologiche dei beni e delle tipologie di servizi di cui all’allegato B del Decreto, i benefici e gli sconti possono essere attivati da:

  1. Ministero del lavoro, su base nazionale, previa formalizzazione di Protocolli d’intesa con le Amministrazioni centrali interessate o convenzioni con soggetti pubblici e privati a rilevanza nazionale;
  2. Regioni e dalle Province autonome, su base regionale, mediante la stipulazione di convenzioni con soggetti pubblici e privati a rilevanza regionale;
  3. Comuni, su base comunale, mediante la stipulazione di convenzioni con soggetti pubblici e privati a rilevanza locale, ovvero riduzioni di tariffe dei servizi pubblici locali erogati direttamente o indirettamente.

Se sei interessato  a saperne di più contattaci cliccando sul bottone in basso.


CHIEDI INFORMAZIONI

 

Letto 529 volte

Condividi questo contenuto:

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn